Rabaiotti:"La Sestese ha potenzialità ma per migliorare esistono solo sofferenza e fatica"

Seconda categoria
coverimage articleimage

Concessionaria De Lorenzi Concessionaria De Lorenzi

La Sestese di Riccardo Rabaiotti si presenta alla sfida con la Ripaltese da terza in classifica, una sfida al vertice. La parola al mister.

Che partita vi aspettate con la Ripaltese?

"La Ripaltese è una squadra che è prima dall’inizio del campionato e non può essere un caso, per noi sarà un bel test, da quello che so si tratta di una squadra mediamente giovane, fisica e che gioca ad alti ritmi, la chiave del match penso che possa essere il fatto di gestire mentalmente bene i momenti topici della gara. Noi non abbiamo assenze di rilievo a parte Monticelli che è fuori fino a fine anno, mi aspetto una bella partita, molto intensa agonisticamente"

Il vostro percorso fin qui: quali sono i vostri principi di gioco, che squadra è la Sestese?

"Sto imparando a conoscere la Sestese e i suoi interpreti piano piano dato che sono arrivato dopo 4 giornate di campionato, in 7 partite abbiamo vinto 6 volte, ricerco intensità mentale e fisica negli allenamenti per poterla riproporre in gara, solo vivendo la sofferenza e la fatica si può migliorare. Il mio modulo preferito non esiste, da quando ho iniziato ad allenare non è la cosa più importante, contano le letture delle situazioni di gioco per attaccare correttamente gli spazi e cercare di creare una superiorità posizionale, poi in base al tipo di pressione che mettono gli avversari bisogna valutare quando verticalizzare e quando attaccare le seconde palle. In Seconda categoria bisogna anche saper essere brutti, sporchi ma efficaci. Abbiamo le potenzialità per iniziare un percorso per far diventare grandi molti dei ragazzi, abbiamo margine di miglioramento e perciò mi metto a disposizione con umiltà ed entusiasmo"

Come ti prepari, come lavori per migliorare come tecnico?

"Sono laureato in scienze motorie e sono appassionato di metodologia dell'allenamento, cerco di aggiornarmi leggendo riviste tecniche quotidiniamente per poter spiegare ai ragazzi i motivi di quello che gli propongo, un allenamento consapevole è più efficace. Un modello? Mi piacciono vari allenatori professionisti ma non posso dirmi di ispirarmi a nessuno di loro, non vorrei si offendessero vista la differenza di categoria!"

La partita che ti ha dato più soddisfazione fino ad ora?

"Sempre la prossima che deve arrivare! Per ora direi 70 minuti buoni con la Pianenghese in cui abbiamo giocato palla veloce e trovato buone diagonalità, una cosa che chiedo sempre ai ragazzi"

Quali sono le squadre favorite per la lotta al vertice?

"Non ho ancora visto tutte le squadre, penso sia un campionato equilibrato e dalla Ripaltese fino alla decima in classifica siamo ancora tutte in gioco"

Per la tua pubblicità

Concessionaria esclusiva
Tel: Giuseppe 333 6865864
Via San Bernardo 37D, Cremona