fbpx

Del "sacco di Treviso" e di un solco ben tracciato

Vanoli
Pin It

Inizierei con l’affermare senza tema di smentita che il “sacco di Treviso”  ci ha ritornato, confermandole, le sensazioni avute nella gara con Brindisi di quindici giorni fa. Gara per certi versi simile perché anche ieri sera, certamente con tempistiche e modalità diverse, ad un avvio arrembante è subentrato un momento di difficoltà poi brillantemente superato.

Pronti via ed inizia lo show personale di Ethan “our big guy” Happ che semina il panico nel pitturato trevigiano, ben supportato da tutta la combriccola vanoliana. E’ cercato costantemente e con profitto il nostro centrone e la difesa di Max Menetti scricchiola da far paura. Già dagli ultimi due/tre giri di lancette del primo quarto però Treviso, squadra fin troppo totalmente nella mani di un poeta del basket quale David Logan, inizia a rosicchiare punto su punto, e con un secondo quarto al fulmicotone manda tutti nello spogliatoio con la differenza di un misero punticino. 

JF9A3934.jpg

Ma è all’inizio del terzo quarto che per un pelo non si rischia il patatràc. Pronti via; due palle perse consecutive vengono capitalizzate da Treviso che per la prima volta mette il muso avanti. Time out immediato del Meo Nazionale il quale, senza l’ausilio della lavagnetta che tanto non ce n’era davvero bisogno, in piedi e con le mani in tasca, tira giù “pacatamente” la pelle ai regàs. Il Ciranone vostro si trovava proprio sulla verticale o quasi rispetto alla panca vanoliana; ha cercato disperatamente di leggere il labiale del coach ma ha solo carpito qualche parola sufficiente però per poter dichiarare con cognizione di causa che si è trattato davvero di un sermone che avrebbe “redento” il peccatore più incallito.

Gli effetti del cazziatone sembrano essere serviti perché in un amen la Vanoli si riporta avanti; ma sul parquet c’è ancora David Logan. La tripla del 53 a 51 per Treviso andatevela a rivedere; come diavolo abbia fatto a metterla solo qualche sparuto deo del basket lo sa. Poi uscirà per 4 falli poco dopo, e Max Menetti in conferenza stampa ha ammesso di aver fatto un errore a toglierlo, ma sul parquet c’era ancora un altro che picchiava duro praticamente dall’inizio, tale Isaac Fotu da York, Iu.Key., che mette la bomba del massimo vantaggio trevigiano.

JF9A3713.jpg

E lì si è rischiato il secondo patatràc. Ma non voglio tediarvi oltre perché suppongo che la partita l’abbiate vista tutti, e se non l’avete vista avete certamente già letto tutto e il contrario di tutto. Mi limito solo a sottolineare che da quel momento, correva il 25° scarso, alla fine il parziale è stato di 41 a 25 per la Vanoli, con gli ultimi 12 di Treviso arrivati quando non solo i buoi ma pure tutta la fattoria era lontana anni luce dalla stalla.

E se la frullata a Brindisi è arrivata grazie a due “attimi fuggenti”, come li ha disgraziatamente etichettati il Ciranone vostro, quella di stasera è arrivata grazie una reazione a catena di stampo nucleare. Ora, è del tutto ragionevole supporre che una certa relazione tra questa calamità naturale piovuta sui trevigiani e l’uscita dal parquet di David Logan ci sia, ma non può essere solo questa la spiegazione. C’è da mettere in conto l’ulteriore step che questa squadra ieri ha compiuto verso la piena consapevolezza dei suoi mezzi; una consapevolezza che ha avuto lo sguardo feroce del Voja “cat in underwear” Stojanovic e quello sapiente di Travis AlaDiener che non avrà di certo fatto la miglior partita della sua carriera, ma di fatto la bomba spacca gambe l’ha messa ancora una volta lui.

004__29092019.jpg

Direi però che è opportuno pure dare al Meo Nazionale quel che è del Meo Nazionale; ad un certo punto, correva, se non ricordo male, l’inizio dell’ultimo quarto, mi giro verso la mia dolce Gigia e le dico: “sta giocando senza play”. La trovata di mettere un siffatto quintetto credo che valga l’oscar di giornata perché non solo ha scombinato del tutto la pattuglia trevigiana contribuendo in modo determinante al "sacco di Treviso", ma ha dimostrato ancora una volta che il Meo Nazionale è uno dei miglior allenatori in circolazione in Europa. Ho letto distrattamente sui social che qualcuno preferirebbe Maurizio Buscaglia a lui; niente da dire su Buscaglia, ottimo allenatore, ma consiglierei l'acquisto di un manuale di basket; ce ne sono di parecchi e alcuni pure a buon mercato.

Bene, ora due tenzoni casalinghe per confermare una sensazione che ormai è già più di una sensazione, e cioè che questa squadra se non l’ha già trovata sta piano piano planando sulla quadra giusta. Tutti quanti, con in cima Nicolò De Vico che con Voja “cat in underwear” Stojanovic sta mettendo su un fight club di tutto rispetto, dannatamente pronti, presenti, reattivi di fronte ai forse inevitabili rovesci che una partita di basket in questo campionato “strano” (cit. del Meo Nazionale) inevitabilmente ti propina.

meo_intervista.jpg

Era insidiosa questa trasferta; lo sapeva e si è confermata tale. In un palazzo con un tifo caldissimo e correttissimo, a cui ha risposto gagliardamente la pattuglia, che a volte è parsa un plotone intero, di populo baskettorum cremonensis, la Vanoli ha tenuto la barra dritta e non ha indietreggiato di un milionesimo di millimetro nemmeno quando tutta l’inerzia sembrava pendere dalla parte di Treviso.

Una faccenda che solo 23 giorni fa (27 dicembre 2019; Brescia Vanoli) sembrava impensabile. C’è n’è ancora di strada da fare ma il solco è ben tracciato. A laonde per cui stay tuned popolo vanoliano, perché il Ciranone tuo ha la mezza idea che si sia solo all’inizio.

Il che è bello e istruttivo (cit.).

 

CATTERINI ROSINO

Attrezzature, Arredo Bar, Cucine Professionali

Via S. Bernardo, 23L, CREMONA +39 03 724 533 56 catterinirosinosrl@gmail.com

  • Progettiamo piscine e wellness
  • Progettiamo il tuo angolo di relax
  • Abbiamo tutta l'esperienza per realizzare il tuo sogno
  • E forniamo tutta l'assistenza di cui hai bisogno
  • Ampia gamma di prodotti per il trattamento dell’acqua
  • Con te 12 mesi l'anno
  • Vieni a trovarci nello showroom di Vescovato
  • Abbiamo la miglior soluzione per ogni esigenza
Piazza Roma, 8/9 - VESCOVATO (CR). Tel. 0372 1939167 / 338 4267355
  • Laghetto

  • AstralPool

  • zodiac

CATTERINI ROSINO

Attrezzature, Arredo Bar, Cucine Professionali

Via S. Bernardo, 23L, CREMONA +39 03 724 533 56 catterinirosinosrl@gmail.com

Che tu guidi per Lavoro
per Passione
o per Piacere
da poco
con i Tuoi
O con chi Vuoi
Fallo senza pensieri
Affida le tue pratiche auto
a mani esperte
e goditi il viaggio
Via Bernardino Ricca, 7
26100 CREMONA
Tel. 0372 26227

PIACENZA
Tel +39 0523 755080

Corsi di recupero

di uno o più anni

Corsi Paritari

60 anni di successi

Una Scuola una Famiglia

Dove si progetta il tuo futuro
CONSULENZA GRATUITA PER MUTUO AL 100%
Silver Sponsor
Via Ala Ponzone 1, Cremona

IMPIANTI Elettrici.
Civili e Industriali.

Tel:335 5441771.

ASPIRAZIONE
Centralizzata

Tel:335 5441771.

AUTOMAZIONI
Cancelli e Portoni.

Tel:335 5441771.

CITOFONIA
e Videocitofonia

Tel:335 5441771.

ALLARMI
E ANTIFURTO

Tel:335 5441771.

SISTEMI
Videosorveglianza

Tel:335 5441771.

ANTENNE TV
e SATELLITARI

Tel:335 5441771.

IMPIANTI
FOTOVOLTAICI

Tel:335 5441771.

SISTEMI DI
ILLUMINAZIONE

Tel:335 5441771.

G.E.A.R
Impianti Elettrici

Tel:335 5441771.