Udine passa al Palaradi e vola in semifinale, finisce qui la strepitosa stagione della Juvi

Serie A2
coverimage articleimage

Concessionaria De Lorenzi Concessionaria De Lorenzi

Gara3 dei quarti di finale playoff di serie A2 is set: la Juvi Cremona ospita l’APU Udine per provare ad allungare la serie e regalare l’ennesima perla di una stagione pazzesca.

_Y4A3925-19.jpg

Parte fortissimo Gaspardo che in un amen diventa l’unico terminale offensivo bianconero con tre bombe consecutive, in mezzo ci sono la tripla di Tortù ed i due di Shahid, Caroti allunga con i liberi, Costi risponde dalla media, fioccano i contatti con il gioco che si spezzetta tanto, gli ospiti spingono cavalcando uno strepitoso Monaldi (6) e la presenza di Delia sotto i tabelloni ed è 8-0, Sabatino in lunetta spezza il digiuno ed il primo quarto si conclude 21-9 per chi viaggia.

_Y4A3940-20.jpg

Inizia il secondo quarto ed ecco ancora Gaspardo sugli scudi, suoi i primi quattro punti, Costi risponde da sotto, Alibegovic spara dalla lunga, Cotton prova a caricarsi la squadra sulle spalle con liberi e due punti in transizione velocissima, Ikangi vola in contropiede ed Udine tiene ben saldo il comando sul +16; Gaspardo prosegue imperterrito la sua serata favolosa, Sabatino infila una bomba da casa sua, Costi replica ad Alibegovic, l’intensità resta alta ma si raffreddano decisamente le mani, ci pensa Cotton a riprendere il discorso, sul ribaltamento di fronte, manco a dirlo, Gaspardo appoggia i suoi punti numero 16 e 17 ma proprio a fil di sirena ancora Cotton va con il piazzato del 25-38 a metà gara.

_Y4A4023-50.jpg

Al rientro dagli spogliatoi è Cannon ad infilare tre punti consecutivi, Benetti segna da sotto, Gaspardo spara l’ennesima bomba del match, la Juvi tenta di rosicchiare con il tandem Timperi-Tortù, ancora Cannon va con il tap-in, Shahid e Caroti si scambiano cortesie dalla lunga distanza, Cotton piazza una perla, Alibegovic dall’angolo e De Laurentiis in contropiede ritrovano il +17, Benetti sale con la bimane, ma l’ultimo canestro è ancora ospite con De Laurentiis a fissare il punteggio sul 55-38 per gli ospiti.

_Y4A3958-25.jpg

Monaldi apre le danze nell’ultimo quarto con un contropiede fulmineo, i ritmi si abbassano e per la Juvi si accende la spia della benzina, Ikangi colpisce dall’angolo portando i suoi oltre i venti punti di vantaggio, Tortù segna da sotto, Sabatino risponde ad Arletti, Monaldi dalla punta scrive +23 e virtualmente chiude il match con ancora cinque minuti sul cronometro; finisce 73-52 per Udine, più lunga, più grossa, più esperta e con grandi ambizioni, che ha ruotato perfettamente gli uomini nell’arco delle tre partite capendo sempre come armare al meglio le proprie bocche da fuoco.

_Y4A3997-39.jpg

Si chiude così una stagione storica per la Juvi, capace di giocare una fase regolare di altissimo livello, facendo vedere bel gioco e faccia tosta da vendere, calando un po’ nella fase ad orologio per poi regalare una serie playoff pazzesca contro Udine al di là dei punteggi finali; la speranza è poter ripartire confermando più giocatori possibile oltre naturalmente a coach Bechi.

Ferraroni Juvi Cremona 52
APU Oww Udine 73
Parziali: 9-21 / 25-38 / 38-55 / 52-73

CREMONA: Benetti 4, Cotton 12, Sabatino 11, Biaggini ne, Virginio, Shahid 5, Boni ne, Costi 11, Vincini, Tortù 7, Timperi 2, Grassi ne.
All. Bechi

UDINE: Alibegovic 12, Cannon 7, Caroti 5, Arletti 2, Gaspardo 21, Delia ne, De Laurentiis 6, Da Ros, Marchiaro, Monaldi 15, Ikangi 5.
All. Vertemati

MVP: Gaspardo

note: tecnico Alibegovic (32').

Per la tua pubblicità

Concessionaria esclusiva
Tel: Giuseppe 333 6865864
Via San Bernardo 37D, Cremona