L'amministratore delegato dello Spezia Micheli prende posizione

Su cittadellaspezia.com (vi invitiamo a leggere il pezzo al seguente link http://www.cittadellaspezia.com/La-Spezia/Sport/Spezia-l-aria-e-cambiata-Troppi-sono-238431.aspx) è comparsa una lunga intervista all'amministratore delegato dello Spezia Luigi Micheli che prende posizione in modo chiaro contro la "troppa fame" di soldi dei calciatori e la mancanza di volontà nel rispettare i contratti. Micheli parlava del caso Nenè ma inevitabile il pensiero corre a Granoche. Sulla questione i giornalisti spezzini hanno posto domande precise e queste sono le risposte:

Ci saranno altre cessioni oltre a quegli elementi che non sembrano entrare nel progetto tecnico? “Giocatori da far uscire non ce ne sono per come la vediamo noi, a meno che non siano loro a fare richiesta di andare via. In ogni caso usciranno alle condizioni che stabiliamo noi”. Punto e a capo. “Granoche? Oggi non si fanno rinnovi. Più avanti sì, oggi ci sono solo i contratti in essere, da rispettare. Nessuno ha messo la pistola alla testa a noi quando abbiamo offerto certi ingaggi a cifre iperboliche, nessuno ci mette la pistola alla testa per cambiare quegli accordi oggi.

Come sapete Giammarioli ha dichiarato di non voler dare una lira allo Spezia pur volendo Granoche...