Il punto del campionato - all'esito della quattordicesima giornata

Pin It

 

 

 

 

La Sidigas Avellino conquista, per la prima volta nella sua storia, la vetta della classifica, superando al PalaDelMauro la Virtus Bologna e ottenendo la quarta vittoria consecutiva. Nuovo minimo di punti subiti per la squadra di Sacripanti, i 59 di ieri sera superano i 61 subiti contro Varese alle settima giornata. Con 11 schiacciate realizza il nuovo record stagionale superando le 10 che aveva realizzato contro Venezia alla nona, nessuna altra squadra ha mai superato le 8 in questo campionato. Miglior prestazione eguagliata in questa stagione per Bruno Fitipaldo (nela foto) con 18 punti: li aveva realizzati anche alla terza contro Torino e nello scorso turno contro Sassari. Il 22 di valutazione è la migliore prestazione per lui in questo campionato e supera il 14 realizzato contro la Fiat. Record stagionale anche con le 4 triple segnate nel posticipo. Migliori prestazioni personali per Fesenko con 14 punti e Wells con 17 punti e 17 di valutazione.

Undicesima vittoria in campionato per la EA7, a Pistoia, che si prende il primo posto in classifica in coabitazione con Avellino, che la precede virtualmente per aver vinto la sfida diretta. La partita si chiude di fatto sulla doppia giocata di Dairis Bertans nel terzo minuto del quarto periodo.

La Fiat Torino batte la Germani Brescia e la costringe alla terza sconfitta consecutiva (4 nelle ultime 5 giornate) e ad abbandonare la testa della classifica. Nuovo record stagionale assoluto al tiro da tre per la Fiat grazie 57.1% da tre che supera il 56% realizzato da Cremona alla sesta giornata contro Sassari. Anche con i 30 assist realizzati ieri Torino realizza il nuovo record assoluto stagionale battendo i 29 realizzati da Cantù nell’anticipo delle 12 contro Capo d’Orlando. Torino realizza la miglior prestazione al tiro stagionale dal campo con il 57.1% frutto del 20/35 da due e del 12/21 da tre, anche le 12 triple realizzate sono record della stagione per la Fiat.

Sassari si rialza dalle due sfortunate sconfitte arrivate nel supplementare contro Venezia prima e Avellino poi imponendosi sulla lanciatissima Trento, proveniente da quattro successi in fila. Nelle ultime 5 giornate Bamforth ha realizzato sempre più di 20 punti a partita, con una media di 22.6 Considerando solo le ultime 5 giornate sarebbe leader della classifica marcatori davanti a Johnson-Odom con 22 e Rich con 21. Terza doppia doppia in stagione per Polonara con 11 punti e 11 rimbalzi, primo giocatore nato in Italia nella speciale classifica. La prima l’aveva realizzata contro Brindisi con 14 punti e 11 rimbalzi mentre la seconda contro Brescia con 10 punti e 10 rimbalzi.

Brindisi conquista la prima vittoria esterna e seconda consecutiva in campionato superando al PalaBigi la Grissin Bon Reggio Emilia e lascia l’ultimo posto in classifica alla VL Pesaro. Per la squadra di Vitucci la miglior prestazione al tiro della stagione con una percentuale del 53.8% che supera il 53.6% realizzato contro Cremona alla dodicesima giornata. Nelle ultime 3 giornate Brindisi è sempre andata oltre il 50% dal campo, mentre nelle prime undici non era mai successo. Per la prima volta in stagione l’Happy Casa manda in doppia cifra 6 giocatori: è la sesta volta che succede in questo campionato, le altre sono stat realizzate da Sassari alla prima giornata, Torino alla quarta, Capo D’Orlando alla settima, Cantù all’ottava e Trento all’undicesima. Per Scott Suggs miglior prestazione al tiro dal campo eguagliata con il 63.6%, stessa percentuale realizzata contro Avellino alla sesta giornata. Partita perfetta al tiro per Donta Smith, 5/5 al tiro da due, 1/1 da tre e 2/2 dalla lunetta.

La Reyer vince l’ennesima partita vietata ai deboli di cuore (72-71), alla mai doma Pesaro spettano solo gli applausi, incapaci però di smuovere il team adriatico dall’ultima posizione in classifica. Dopo una gara che sembrava tranquillamente incanalarsi verso i binari veneti, lo scossone ospite guidato da un sontuoso Dallas Moore (22 punti e 9/13 da 2) ha rimesso in bilico la contesa, con i marchigiani capaci anche di portarsi in vantaggio con un positivo Monaldi (12 punti con 5/8 da 2), dopo aver passato più di 35 minuti a rincorrere (65-67). Fatale per il team di coach Leka la palla persa nel finale dal duo italiano Monaldi-Ceron, con la Libertas successivamente incapace di mandare il team lagunare in lunetta. Al quarantesimo il Taliercio può tirare un sospiro di sollievo.

Cantù e Cremona provano ad acciuffare in extremis la Final Eight. La Vanoli supera senza patemi particolari Varese, mentre Cantù surclassa Capo d’Orlando, ormai non nuova a larghe sconfitte in questa stagione. gli unici a creare grattacapi alla difesa della Red October sono Eric Maynor (doppia doppia da 10+10 assist) e Jakub Wojciechowski, il migliore della gara con 19 punti.

 

Con il contributo di DailyBasket e Legabasket.it